mercoledì, maggio 25, 2005

Biodiversità ancora in picchiata - nuovo report del MEA

Come ogni anno si allunga la lista rossa dello IUCN (Unione Mondiale della Conservazione), l’organismo internazionale a salvaguardia della biodiversità. E come Cassandra una nuova valutazione da parte di un autorevole network scientifico ad hoc (il Millennium Ecosystems Assessment ) avverte che la ricchezza delle specie animali e vegetali si sta inesorabilmente assottigliando.

Sono infatti 15 589 le specie incluse nella Red List degli essere viventi minacciati di estinzione: a fine 2003 erano 12 259, e duemila in più rispetto al 2002. Il trend insomma segna la perdita di due migliaia di specie all’anno. “E’ il segno più evidente che dobbiamo cambiare il modo in cui produciamo e consumiamo” ha commentato Jeff McNeely, scienziato capo dello IUCN ed autore dell’ultimo allarmato report (Biodiversity and Human Well–being: A Synthesis Report for the Convention on Biological Diversity) per conto del Milleniumm Assessment.

Secondo questo studio, infatti, sebbene la biodiversità sia alla base del benessere umano, gli scenari più probabili nel prossimo futuro contemplano un suo declino, contrariamente a quegli obiettivi globali di contenimento della perdita di ricchezza biologica fissati per il 2010.

Ma il rapporto va oltre alle preoccupazioni puramente “ambientali” e individua anche le perdite economiche: ad esempio, un intero ettaro di mangrovie in Tailandia equivale a mille dollari; se convertito in agricoltura intensiva il suo valore scende invece a 200 dollari.

Fonte: Environment News Service

4 Comments:

At 3:40 AM, Anonymous lele said...

Volevo solo farti sapere che io ti leggo, brava!

 
At 3:50 AM, Anonymous natura said...

l'idea di fare piantagioni di prodotti alternativi, credo potrebbe avere successo magari in ristoranti di lusso, mantenendo varie le specie, e dando più valore a ciò che viene cucinato e mangiare vario fa bene!

 
At 12:16 PM, Anonymous Anonimo said...

Buona notte..
quella era una cosa piacevole, e potete aiutarli che cerco
http://scienza-della-formazione.corsi-di-formazione.org scienza della formazione

Rispetto.

 
At 11:17 PM, Anonymous Anonimo said...

Perche non:)

 

Posta un commento

<< Home